il Cremlino

ci, dove un milione di stelle-gravelights
Bruciare davanti alla faccia dell'antichità,
Dove il cuore è dolce suono della sera,
Dove la torre verso il cielo in amore;
ci, in cui le pieghe vie ombreggiate
Trasparenti sogni erranti bianchi –
Ho capito il significato di enigmi del passato,
Sono diventato un luna avvocato.

delirante, con mancanza di respiro,
Volevo ancora sapere, sul fondo:
Come misteriosa sofferenza
La regina del cielo tradito
E perché un edificio secolare
Quindi caro aggrappano, sempre lo stesso…
Cosa diavolo si chiama Devozione, –
Ho detto tutto la luna.

I copriletti di seta ricamati,
In Windows i palazzi cupi,
Ho visto le regine stanco,
Agli occhi di qualcuno in piedi grido silenzioso.
ho visto, come ai vecchi fiabe,
spade, corona e l'antico stemma,
E figlio di qualcuno, piccoli occhi dei bambini
altro mondo, che si riversa una falce magica.

oh, Quanti occhi di queste finestre
Curato di lui malinconicamente,
E quanto di esso è portato via
Là, dove gioia e pace!
Ho visto suore pallide,
i bambini emarginati della Terra,
E nelle loro preghiere riservata
Ho preso il fuoco della passione.
Sto indovinando in passeggiate viste:
– “Io voglio vivere!.. Cosa voglio Dio?”
E tra le pieghe dei vestiti a lutto
Raggiungendo la luna, lungo sospiro.

dire, luna, per il quale ha sofferto
Hanno catturato la loro Svetlitsa?
Che per compiacere morire
Gli slave con le anime dei Queens,
Quella del opochivalen sordi
Torn nel campo verde?
– E la luna è la risposta triste
All'interno delle mura del Cremlino scontrosi.

autunno 1908, Mosca

Vota:
( 1 valutazione, media 3 a partire dal 5 )
condividi con i tuoi amici:
Marina Cvetaeva
Aggiungi un commento