Demone - Pushkin

in giorni, quando ero nuovo
L'impressione di essere -
E gli occhi di vergini, e dubrovy rumore,
E di notte il canto dell'usignolo -
Quando i sentimenti sublimi,
libertà, gloria e amore
E l'arte ispirata
Tanto preoccupato per il sangue, -
Ore speranze e piaceri
Improvvisa autunno nostalgia,
Poi qualche genio del male
Ha iniziato segretamente a farmi visita.
I nostri incontri erano tristi:
il suo sorriso, splendida vista,
Il suo discorso pungente
Versato il veleno dentro l'anima hladny.
Neistoshtimoy klevetoyu
Su Fornire iskušal;
Ha chiamato bel sogno;
Disprezzava ispirazione;
Non credeva l'amore, libertà;
aria interrogativa vedere la vita -
E non c'è nulla in tutta la natura
Non voleva benedire.

Valutarlo:
( Ancora nessuna valutazione )
Condividere con gli amici:
Marina Cvetaeva
lascia un commento