Suicidio

C'era una serata di musica e affetto,
Tutto nel giardino del paese fiorito.
Negli occhi meditabondi
La mamma sembrava così brillante!
Bene quando è scomparsa nello stagno
E l'acqua calmato,
si rese conto – gesto bacchetta il male
Il suo wizard ritrasse.
Gridarono i cottage lontano flauto
Nel splendore dei raggi rosa…
si rese conto – egli era prima che qualcuno,
Ora è diventato un mendicante, nessuno è.
gridò: “madre!”, ancora e ancora,
poi ha fatto la sua strada, delirante,
Con lettino, senza dire una parola
tom A proposito di, quella mummia nello stagno.
caldo cuscino sull'icona,
ma spaventoso! – “fratello, tornare a casa!”
…Egli pianse in silenzio. Improvvisamente dal balcone
voce venne: “il mio ragazzo!”

…………………………………

L'elegante busta stretta
L'abbiamo trovata “scusa”: “sempre
Amore e tristezza – più forte della morte”.
più forte della morte… che, a tale proposito!..

Vota:
( Nessuna valutazione ancora )
condividi con i tuoi amici:
Marina Cvetaeva
Aggiungi un commento