tradurre in:
portale poeta: Marina Cvetaeva
leggere qui di seguito: dico, che dovremmo lasciare - Brodsky

dico, che è necessario lasciare.
Sì, sì. grazie. Ho intenzione di.
Sì, sì. capisco. salutare alla partenza
non dovrebbe essere, e non mi perdo.
fratello, quello che dici-lungo viaggio.
Ogni fermata nelle vicinanze,
fratello, no, bespokoytes.Kak non qualcosa.
Faccio luce, senza bagagli.
Sì, sì. È ora di andare. grazie.
Sì, sì. E 'il momento. E tutti capiscono.
Bezradostnuyu zymnyuyu zaryu
Sopra gli alberi di casa per aumentare.
È finita, Non voglio discutere.
Palm a scuotere - e arrivederci.
ho recuperato. Ho bisogno di andare.
Sì, sì. Grazie per separazione.
Prendimi per la casa, taxi,
Come se non ricordo l'indirizzo,
Nel campo umolkshie mi porto.
io, Lo sapevate che, Mi ritiro dalla patria.
Come se avevo dimenticato l'indirizzo:
K okošku zapotevšemu priniknu,
E sopra il fiume, amava,
Sono scoppiata in lacrime, e la boatman'll click.
È finita. Ora sono in nessuna fretta.
Si torna indietro con calma, amore di Dio,
Guarderò verso il cielo e respiro
vento freddo di un'altra sponda.
bene, questa è una mossa tanto attesa.
I carnefici fa, senza sentire dolore.
Quando entrerà la patria dell'ingresso,
Ho leggera pendenza per i posti barca a terra.

I più letti poesie Cvetaeva:


Tutti poesie (contenuti in ordine alfabetico)

lascia un commento