tradurre in:
portale poeta: Marina Cvetaeva
leggere qui di seguito: zar Fanciulla

Poem-tale

Come un giovane serpente – Sì vecchia yzh,
Come un giovane moglie – Sì vecchio marito,
zucca museruola, il modello di vita, respira – trema torre,
Dal baffi qualcosa di stantio per un centinaio di miglia Distretto reeks.

Come matrigna in mladenkoy – figlio del soffitto,
non razboynichek, non vsadnichek, non silach, senza mani,
invece guance – uno un incavo, labbra serrate silenziosi.
Come nel palazzo dopo la mezzanotte palisadnichke arpa tintinnio…
Povedesh parte nel suo occhio –

Guarda il muro.
Lasciami traverso
D'nenarokom
Sì Zaden!

PRIMA NOTTE

posti letto Principe, prostrato,
posti letto, Non sente nulla,
Esattamente bacchetta riposato
Un mese in fronte alla sua.

sovra, quel bastone:
luce dito, dito.
E vale la pena wench Chalayan
il ragazzo.

“Segrete le tue ciglia, –
Senza il fuoco bruciato!
Perché non sono una vergine,
Una strana donna!

Per qualche motivo la gente del sonno,
E i miei lamenti!
Perché non ti nostra madre
io, una matrigna?

Da un krovatochke
Figlio con la madre madre.
Con biancheria golovenochkoy
il mio bambino!

silenzioso, cane catena!
Non ululare, il re del mare!
passaggio, brutto sogno!
bambino – il mio!

In acqua bollente per mettere un uovo –
Ma come si cuoce?
Come affrontare il vostro fiore
Non desiderare?

Per uno dei vostri divani
Sono nato nel mondo.
Io sono un servo di Principe –
Non tsarёva donna.

Striscia la mia bast,
I cani a cena arrosto!
gli piace, musica stravagante
sedurre – Kubar?

Mi guardo allo specchio, guardare:
Ali seno piano?
desiderare, due di voi – le perline –
acquistare occhio?

Non portare dei consumi, – zadarom!”
Un figlio indietro,
– Per figliastri adulti – Nestor
Matrigna non camminare percorso. –

***

“Dare il pad correggerà!”
– Io stesso primoschus! –
“Come mai si lascia?”
– Io stesso la cavo! –

“Ai più bassa? Ai più alto?”
– Io sono il tuo tipo di digiuno! –
“evidentemente, mente il vostro Malchish
Squillo di mare Po navigato.

Ali non gestisce bianco?”
– In un mare di schiuma bianca! –
“Ali Ali spugna non lo fa?”
– A giostre Zori mare! –

“petto di Ali non è elevato?”
– Me che il seno – che il consiglio! –
“È possibile sdraiarsi ryadushkom?”
– biancheria da letto Úzká! –

“Kohl e in effetti è stretta – I rotoli su in un tubo!
Loquace mia seta? – togliere la gonna!
tutto, sapevo, ormai dimenticato I za notte:
I krestyanochka, la tua anima sluzhanochka!”

Un principe in risposta
Anche in questo caso, tutti uguali:
tutto: indegno, ma non toccare,
non toccare, indegno!

“Il viso di Ali non è realmente bianco?”

I più letti poesie Cvetaeva:


Tutti poesie (contenuti in ordine alfabetico)

lascia un commento